Tra lago e montagna: alla scoperta della sponda orientale del Lago Maggiore

Postato il 28 August 2015

NaturaSport

I panorami da sogno, la bellezza della natura e dell’arte, il buon cibo e lo sport vi accompagneranno in questo angolo della provincia di Varese, per ricaricare le batterie approfittando delle belle giornate di fine agosto e inizio settembre

Foto: Eremo di Santa Caterina del Sasso Ballaro

Se cercate un’idea per trascorrere un week fuori porta, senza dover scegliere tra lago e montagna, il vostro itinerario ideale vi porterà sul Lago Maggiore! La prima tappa è Angera, con la sua Rocca Borromeo, che domina il lago dalla sommità di un roccione calcareo e si erge a testimonianza delle vicende dei Visconti e dei Borromeo. All’interno potrete visitare le sale affrescate, il giardino medievale e il Museo della Bambola e del Giocattolo.

Muovendovi verso nord in direzione di Ranco, paesino di villeggiatura situato sull’omonima punta del lago, proseguite poi per Ispra. L’eleganza dal sapore antico donata al luogo dalle sue ville Settecentesche, quali Villa Castelbarco Sagramoso, Villa Cadorna, Villa Ranci Ortigosa, si sposa con la sua moderna vocazione di polo internazionale di ricerca su nuove tecnologie, attività dei vulcani, edilizia sismica e inquinamento ambientale. Da qui potrete concedervi una piccola deviazione verso il vicino Lago di Monate, luogo perfetto per fare il bagno in quanto la navigazione non è consentita.

Ripreso il viaggio, dopo una tappa al castello medievale di Besozzo, vi consigliamo di raggiungere Leggiuno. Scendendo un’antica scalinata, raggiungerete una delle perle più preziose di tutto il percorso: l’Eremo di Santa Caterina del Sasso Ballaro, risalente al XII secolo e incastonato su una roccia a strapiombo sul lago.

Giunti a Laveno Mombello, nota meta turistica che sorge su un’insenatura naturale, non perdete l’occasione di salire, a piedi o in funivia, fino al Monte Sasso del Ferro (a 1062 metri s.l.m.). A Luino potrete invece rilassarvi con una passeggiata nel centro storico e sul lungolago, all’ombra di un doppio filare di platani secolari. Da vedere sono anche la chiesa della Madonna del Carmine, quella di S. Pietro in Campagna e l’Oratorio dei SS. Giuseppe e Dionigi, chiesa seicentesca progettata da Gerolamo Quadrio, architetto della Fabbrica del Duomo di Milano. Se invece preferite dedicarvi alle escursioni, potrete farlo lungo il sentiero provinciale “3V: Via Verde Varesina” e sui sentieri locali della Comunità Montana Valli del Luinese e di CAI ed ANA (Sentiero degli Alpini di Luino).

Da ultimo potrete spostarvi a Maccagno, dove avrete l’imbarazzo della scelta tra le spiagge del parco Giona, del Lido e di Ronco delle Monache, dove si praticano windsurf, vela e nuoto, e i pendii delle montagne e delle valli del luinese, ideali per l’arrampicata e il trekking. In alternativa vi consigliamo di perdervi per le antiche vie del borgo, tra case in pietra e scorci incantevoli.

Lungo tutto l’itinerario, approfittate per gustare i prodotti tipici della zona, come ad esempio i vini di Angera (chiamati “Ronchi Varesini”), il lavarello carpionato e la Formaggella a Luino o il Miele di Laveno, da abbinare ai formaggi.

***

Between lake and mountain: adventures on the eastern shores of Lake Maggiore

Dreamy panoramas, the beauty of nature and art, good food and sport will be your companions in this corner of Varese province; take advantage of the beautiful days at the end of August and beginning of September to recharge your batteries

Photo: Hermitage of Santa Caterina del Sasso Ballaro

If you’re looking for an idea for a weekend out of town, without having to choose between lake and mountain, your ideal itinerary will take you to Lake Maggiore! The first stop is Angera, with its Rocca Borromeo, which overlooks the lake from the top of a limestone rock and bears witness to the stories of the Visconti and Borromeo families. Inside you can visit the frescoed halls, the medieval garden and the Museum of Dolls and Toys.

Move north towards Ranco, a vacation destination situated on the homonymous tip of the lake, then continue to Ispra. The antique elegance provided by its 18th century villas, such as Villa Castelbarco Sagramoso, Villa Cadorna and Villa Ranci Ortigosa, combines with its modern vocation as an international centre of research into new technologies, volcanic activity, seismic construction and environmental pollution. From here, you can take a little detour to the nearby Lake Monate, perfect for swimming because boats are not allowed.

Resuming the journey, after a stop at the medieval castle of Besozzo, you must drive to Leggiuno. Going down an old staircase, you will reach one of the most precious pearls of the whole route: the Hermitage of Santa Caterina del Sasso Ballaro, dating from the 12th century and set on a cliff overlooking the lake.

Once in Laveno Mombello, a popular tourist destination that is located on a natural creek, do not miss the opportunity to climb on foot or go by cable car to Mount Sasso del Ferro (1062 metres above sea level). In Luino on the other hand, you can relax with a stroll in the old town and along the lakefront, shaded by a double row of plane trees. Also worth seeing are the churches of the Madonna del Carmine, San Pietro in Campagna and the Oratory of SS. Joseph and Dionysius, a seventeenth-century church designed by Gerolamo Quadrio, architect of the Fabbrica del Duomo in Milan. If you prefer to go hiking, you can go along the provincial path “3V: Via Verde Varesina” and along the local trails of the Valli del Luinese Mountain Community and CAI and ANA (Path of the Alpini of Luino).

For your last stop, you can go to Maccagno, where you will be spoiled for choice between the beaches of the Giona park, the Lido and Ronco delle Monache, where you can windsurf, sail and swim, and the mountain slopes and valleys of Luino, ideal for climbing and trekking. Alternatively, we suggest you wander through the old streets of the village, between stone houses and enchanting views.

All along the route, take the opportunities to taste typical local products, such as the wines of Angera (called “Ronchi Varesini”), marinated whitefish and Formaggella from Luino or honey from Laveno, for serving with cheese.

Tramonti DiVini, un inno al buon vino dell’Oltrepò Pavese

Postato il 7 July 2015

Enogastronomia
11/07/2015
18/07/2015

Tutti i sabato sera, a partire dal 27 giugno, l’Associazione Calyx vi invita a scoprire le eccellenze vinicole delle colline pavesi. Un buon calice di vino, il tramonto e il silenzio che regna su questi colli vi farà credere di essere tornati indietro nel tempo.

Avventurandovi lungo i sentieri dell’Oltrpò Pavese, dove sopravvivono antiche tradizioni contadine, avrete la possibilità di ammirare paesaggi di natura incontaminata interrotti solo da antichi borghi, castelli, campanili e ville ottocentesche. Ricchezza di queste terre che distano poco più di un’ora di viaggio da Milano sono i vigneti, che da tempi antichi raccontano una storia di eccellenza e qualità. Attraversato dal 45° parallelo nord, ovvero il celebre “parallelo del vino”, che percorre le zone più vocate alla viticoltura come Bordeaux e Oregon, l’Oltrepò è quello che state cercando se avete intenzione di organizzare una fuga dalla città all’insegna della buona tavola e del buon vino. Amanti del nettare degli Dei e buongustai, qui troverete il vostro piccolo paradiso: il salame di Varzi e altre specialità tipiche delle colline pavesi saranno il perfetto accompagnamento ad un calice di vino. L’offerta è davvero infinita, moltissimi gli agriturismi pronti a farvi assaporare le bontà locali. Se non sapete da dove cominciare per organizzare la vostra fuga, ecco qualcosa che potrebbe soddisfare la vostra voglia di relax, sapori e profumi. Anche quest’anno torna infatti Tramonti DiVini: le cantine panoramiche aprono le loro terrazze sul paradiso per farvi degustare eccellenti etichette alle luci del tramonto. In programma per sabato 11 luglio, una visita guidata all’Azienda Agricola I Carpini, in località San Lorenzo, Pozzol Groppo: l’affascinante cascinale in pietra immerso nei vigneti sui quali impera il pittoresco Castello di Pozzol Groppo vi farà innamorare di questi luoghi. Dopo una breve passeggiata nei vigneti, avrete la possibilità di degustare vini bianchi e rossi prodotti dall’Azienda. Il consiglio è quello di prenotare entro il venerdì precedente la serata! Buon viaggio!

***

Tramonti DiVini, an anthem to the good wine of the Oltrepò Pavese

Every Saturday evening from 27 June, the Associazione Calyx invites you to discover the excellent wine of the hills of Pavia. A good goblet of wine, the sunset and the silence that reigns on these hills will make you think that you’ve travelled back in time.

Roaming along the paths of the Oltrepò Pavese, where old peasant traditions survive, you’ll be able to admire landscapes of uncontaminated countryside only interrupted by old villages, castles, church towers and 19th century mansions. The wealth of the area, little more than an hour from Milan, lies in the vineyards, which have told a story of excellence and quality from ancient times. The Oltrepò is crossed by the 45th parallel north, i.e. the famous “wine parallel”, which runs through the areas most suitable for wine-growing like Bordeaux and Oregon, and it’s the right place if you intend to arrange an escape from the city looking for good food and wine. Lovers of the nectar of the gods and gourmets, you’ll find your personal paradise here – Varzi salami and other specialities typical of the hills of Pavia will be the perfect accompaniment to a goblet of wine. There is really an infinite offer – many farm holiday centres will let you taste local goodness. If you don’t know where to start in arranging your escape, here’s something that may satisfy your desire for relaxation, flavours and scents. Tramonti DiVini (DiVine Sunsets), when panoramic vineyards open their patios onto paradise to let you taste excellent labels as the sun goes down. On Saturday 11 July, there’s a guided tour of the I Carpini farm, in San Lorenzo, Pozzol Groppo. The enchanting stone farmhouse deep in the vines overlooked by the picturesque Pozzol Groppo Castle will make you fall in love with these places. After a short walk among the vines, you’ll be able to taste white and red wines produced by the company. We advise booking by the Friday before the evening. Have a good trip.

Expo 2015, visite guidate ed eventi speciali. Il giro del mondo in un giorno

Postato il 2 July 2015

Arte e cultura
01/05/2015 to31/10/2015

Attraversare l’intero villaggio espositivo, esplorarlo dal padiglione Zero ai Cluster, lungo tutto il decumano. Ecco come visitare Expo 2015 in un giorno, ottimizzando tempo ed energie.

Vorreste andare a visitare il villaggio Expo ma continuate a temporeggiare? L’estate è finalmente arrivata e ci ha portato le tanto attese ferie estive: ecco quindi per voi un piano perfetto per godervi una giornata da ricordare. Basterà un giorno per fare il giro intorno al mondo, visitare i padiglioni, farvi emozionare dagli spettacoli in programma nella piazza dell’Albero della Vita e da tutti gli eventi in calendario. Il mondo a raccolta a Rho Pero per 6 mesi per parlare e riflettere su cibo e alimentazione, qualche ora per averne un assaggio e respirare la magica atmosfera dell’Esposizione Universale. Grazie alle visite guidate, avrete infatti la possibilità di esplorare il sito accompagnati da guide esperte, in grado di suggerirvi e segnalarvi eventi in programma e manifestazioni da non perdere. È disponibile, inoltre, un servizio di accompagnamento con itinerari studiati “su misura”, a seconda delle preferenze espresse dall’utente. Parola d’ordine “no stress”, non avrete bisogno di prendere la macchina per raggiungere il villaggio, potrete farlo comodamente utilizzando la metro (M1), fermata RhoFiera. Se, invece, siete degli amanti delle due ruote e vi piace spostarvi in bicicletta, è possibile raggiungere il sito tramite un itinerario che vi condurrà all’ingresso Gate Sud Merlata-Orogel. Il percorso, che parte da Milano, si snoda attraverso i controviali di Corso Sempione e viale Certosa, per proseguire su via Gallarate. In alternativa, potrete anche optare per la “Greenroute”, un itinerario fra spazi nuovi della città e aree verdi e per la maggior parte protetto, accessibile da via Papa (Piazzale Accursio). La chicca? Se siete arrivati a Expo con la metro e volete tornare a casa in bicicletta per godervi il tramonto in sella, al Gate Sud Merlata-Orogel troverete le bici di BikeMi, di cui oltre 3000 a pedalata normale e 1000 a pedalata assistita!

***

Expo 2015, guided tours and special events. Around the world in a day

To visit Expo 2015 in a day, cross the whole exhibition village, exploring it from Zero Hall to the Cluster, along the whole Decumano, optimising time and energy.

If you’d like to visit the Expo village but continue to put it off, summer is here with the long-awaited summer holidays so here’s a perfect plan for enjoying a day to remember there. One day’s enough to take a trip round the world, visiting the halls, being thrilled by the shows on the calendar in the square with the Tree of Life, and all the events planned. The world assembled at Rho Pero for 6 months to talk about and reflect on food and nutrition, a few hours for a taste and to breathe the magic atmosphere of the Universal Exposition. You’ll have the chance to explore the site with the guided tours, accompanied by expert guides able to suggest and indicate events planned and exhibitions that are not to be missed. There’s also an accompanying service with tailor-made itineraries, according to the user’s preferences. The watchword is “no stress”; you don’t need the car to get to the village, you can do that easily by using the underground (M1), RhoFiera stop. If, on the other hand, you love two-wheeled transport and you like travelling by bike, the site can be reached following a route that takes you to the Merlata-Orogel South Gate. The path starts in Milan and unwinds along the service roads of Corso Sempione and Viale Certosa, and then continues along Via Gallarate. Alternatively, you can also opt for the “Green route”, an itinerary through the new areas and green ones in the city and protected for most of its length, accessible from Via Papa (Piazzale Accursio). If you’d like to go to Expo on the underground but go home by bike so that you can enjoy the sunset from the bike, there are the bikes of BikeMi at the Merlata-Orogel South Gate of which more than 3000 are “normal” and 1000 electric (e-bikes)!

Tag Cloud

Meteo





0/500

Suggerisci una meta!

Quale località lombarda consiglieresti ad un amico e perchè?

suggerimenti@relaxinlombardia.it

Iscriviti alla newsletter!

Per ricevere aggiornamenti sulle proposte e gli eventi iscriviti alla newsletter di Relax in Lombardia.

Iscriviti subito!